DDR, la Repubblica Democratica Tedesca

La Repubblica Democratica tedesca, nota anche con il suo acronimo DDR, fu uno stato formatosi durante la Guerra Fredda nella parte orientale del paese.

La Germania Est, formalmente Repubblica Democratica tedesca (DDR), era uno stato nel blocco orientale durante il periodo della Guerra Fredda. Dal 1949 al 1990, ha amministrato la regione della Germania che è stata occupata dalle forze sovietiche alla fine della seconda guerra mondiale, zona di occupazione sovietica che era delimitata a est dalla linea Oder-Neisse.

Fino al 1989, la DDR era governata dal Partito di Unità Socialista (SED). La DDR era uno stato totalitario, in cui tutti gli aspetti della vita erano controllati dallo stato, insieme con la propaganda.

L’economia della DDR

L’economia fu pianificata centralmente: i prezzi di beni e servizi di base furono fissati dai pianificatori del governo centrale, piuttosto che regolati dagli equilibri dell’offerta e della domanda di mercato.

La DDR divenne comunque lo stato con l’economia di maggior successo nel blocco orientale, anche se di livello visibilmente minore rispetto alla crescita economica della Germania Ovest. L’emigrazione verso l’Occidente fu un problema rilevante, poichè molti degli emigranti erano giovani ben istruiti; ciò ha indebolito ulteriormente lo stato economico. Il governo fortificò i suoi confini occidentali e, nel 1961, costruì il muro di Berlino.

La fine della Repubblica Democratica

Nel 1989, numerose forze sociali e politiche nella DDR e all’estero portarono alla distruzione del muro di Berlino e all’emergere di un governo impegnato alla liberalizzazione. L’anno successivo si tennero elezioni aperte, e i negoziati internazionali portarono alla firma del trattato che sancì la fine dello Stato e della divisione della Germania nel 1990.

Uno stato ricco di luoghi d’interesse

Senz’altro non può mancare la visita alla capitale tedesca Berlino in un viaggio nella ex DDR; la città è il vero centro culturale della Germania. Non lontano da Berlino merita una visita il castello di Sanssouci, vicino a Potsdam.

Dresda e il suo magnifico centro storico sono un fiore all’occhiello, non a caso è definita la “Firenze del Nord”. Per chi ama l’escursionismo i Monti Metalliferi, con il loro patrimonio di arte mineraria e le loro meravigliose foreste e paesaggi incontaminati sono uno spettacolo da non perdere.

Lo Spreewald, con i suoi laghi e canali, si adatta per una vacanza a contatto con la natura, alla ricerca delle tradizioni locali. Lipsia è infine una città giovanile e sempre in cerca di progresso.

Informazioni utili

Visitare gli ex territori della DDR è molto semplice, poiché sono al centro di un sistema di trasporti molto ben sviluppato. Per quanto riguarda il trasporto aereo, gli aeroporti di Berlino offrono collegamenti internazionali molto validi e le compagnie low cost vi operano voli giornalieri dall’Italia spesso anche molto economici.

Il collegamento ferroviario offre treni rapidi sulle linee Berlino-Francoforte e Berlino-Amburgo, le quali si snodano poi verso gli altri stati europei. La scelta di muoversi in treno è anche molto efficiente per spostarsi nello Stato stesso, dati i numerosi treni regionali che collegano i vari centri urbani.

Se si sceglie di spostarsi con un’auto a noleggio, grazie alle opere di ampliamento avute dopo la riunificazione, il sistema di autostrade è molto efficiente.

Un salto nel passato